l'orsa di mezzo

Perché tra il maggiore e il minore non c'è un buco nero

Primo: delle stelle scadenti

30 commenti

4

L’universo pullula di stelle scadenti.

Individui forniti da mamma Natura (che quel giorno era particolarmente simpi, come direbbe mia figlia) di tutti gli ingredienti necessari per brillare in qualsiasi ambito, dalla carriera allo sport, dallo spettacolo all’arte o alla scienza ma sbilanciati da altri che al momento di spiccare il grande salto li han no fatti inciampare nei lacci delle scarpe.

In certi abbinamenti, tipo: prestanza fisica/pigrizia, talento/incapacità di vendersi, buon gusto/povertà, abilità/sfiga, la Genitrice dimostra un sadismo che neanche il presidente Snow di Hunger Games.

Laddove l’ambizione e il merito si scontrano con l’esitazione, la modestia, l’autostima carente, avversari senza scrupoli o anche soltanto un’infallibile sfortuna, e soccombono, nasce una stella scadente.

Persone meritevoli che arrivano sempre seconde quando il posto è uno e se c’è un podio, quarte. Dei Leonardo Di Caprio qualunque, insomma.

Astri mancati che passeranno il resto della vita a raccontarsi che va bene così.

Dedicandosi con impegno e autoironia a convincersi che l’importante è essere bravi dentro, per poi scoprire che è vero; a gioire delle piccole cose, che son davvero tante e generose, se uno le sa vedere.

E chiedendosi qualche volta, in segreto, come sarebbe stato se.

 

Annunci

Autore: stella scadente

Esemplare femmina (o femmina esemplare, a scelta) di essere umano.

30 thoughts on “Primo: delle stelle scadenti

  1. Grazie. Siachiaro che io non avevo nessuna voglia. L’ho fatto solo per tenere allenate le mie cellule cerebrali: Gina, Pina e Lina.

  2. Dici che qui starai meglio?
    Beh… io te lo auguro.

    Una casa nuova potrebbe servire.

  3. Siamo tutti stelle a scadenza.

  4. No. Proprio no. Mica ci possiamo accontentare di essere belli dentro. Di prenderci il piccolo perché il grande è dei capibranco. Di stare sempre in seconda fila perché qualcuno, un’ora fa ha lasciato il cappello in prima e se n’è andato al bar.
    Via il cappello. Prendiamoci tutto.

  5. interessante, la prospettiva del gregario. seguo gli sviluppi con curiosità.

  6. Ossimori viventi. Ma una stella che scade non fa la scia, vero? Puzza solo un po’? Vado a lavarmi 😀

  7. Ho smesso da un pò di ragionare sulle Sliding Doors, per dedicarmi ostinatamente all’apertura di tutti gli sgabuzzini chiusi (e di cui ho perso la chiave) dell’anima. Piuttosto mi chiedo, ma le stelle scadenti si osservano con lo stelescopio? Quando le si vede scadere, bisogna esprimere uno sdesiderio? Quando scadono, da dove scadono e verso dove continuano a scadere? So che da te non avrò risposte ma una confortevole presenza. Che tu di scadente, non hai nulla.

    • Tu mi commuovi, Max. Sei accecato dall’affetto, o forse ti è caduto un pezzo di stella in un occhio. Quanto agli sgabuzzini, sfonda le porte con un cazzotto, e poi lasciale aperte, così l’aria circola. 🙂

  8. La parabola della stella scadente è molto romantica. Tuttavia è un percorso a termine con la data di scadenza sul retro. Invece noi stelle outsiders siam diverse, stiamo in prima fila negli spettacoli deserti e arriviamo sempre primi nelle competizioni dove non c’è nessun oltre noi, o tutti gli altri si sono ritirati per tempo.

  9. Mi piace qui, già dal commento che hai lasciato sul (bel) post di intesomale (su discutibili.com) era tutto chiaro…

    Ti seguo.

  10. Anvedi.
    Pensavo che eri già scaduta di là, invece sei venuta a scadere qui.
    Mah…

  11. Ciao, Alfred. L’importante è rimanere fedeli a se stessi, in qualunque frigorifero si vada ad abitare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...